Expo 2015, padiglione Principato di Monaco, solidarietà e cooperazione

di Loretta Martino 0


Anche il Principato di Monaco conferma la sua partecipazione alla fiera internazionale dell’Expo 2015 presentando il plastico del padiglione progettato dall’architetto italiano Enrico Pollini in linea con l’idea di nutrire il pianeta e e dare energia per la vita come recita la mission dell’Expo Milano.

Il concetto su cui si basa il padiglione del Principato di Monaco che porta il nome “Eccellenza e Solidarietà – Un nuovo sguardo per nutrire il Pianeta” si basa su tre cardini fondamentali: cooperazione, innovazione e ecologia che prenderanno forma attraverso una struttura di poco più di 1000 metri quadrati realizzata da container e da un tetto di legno dalla forma particolare perché simile al tendaggio utilizzato per le coperture di emergenza. Sulla copertura, infatti, sarà realizzato un composto di sfagno con muschio leggero e permeabile perché si prevede venga coltivato un orto in pieno stile mediterraneo. Metafora di questa installazione sarà l’idea di sottolineare l’importante ruolo della natura come elemento primario per la sopravvivenza umana.

All’interno del padiglione, poi, ci si potrà dedicare a degustazioni di prodotti tipici del territorio tra cibo sano e prodotti biologici e a km 0 e conoscere da vicino attività molto ben sviluppate come la pesca sostenibile, la deforestazione, l’aumento del numero di meduse o l’acidificazione degli oceani attraverso un percorso libero e stimolante tra grandi scatole raffiguranti casse merci contenenti ognuna un’idea da trasportare in giro per il mondo.

Come per i padiglioni degli altri paesi, al termine della manifestazione gli impianti utilizzati nel Padiglione saranno trasferiti in Burkina Faso per una giusta causa e utilizzato per azioni umanitarie portate avanti dalla Croce Rossa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>