Dal 28 gennaio apre a Milano l’Archivio di Stato

di AnnaMaria 0

A partire dal 28 gennaio, grazie all’intervento dei volontati del Touring Club Italiano, a Milano aprirà al pubblico l’Archivio di Stato. L’edificio, sito in via Senato 10, sarà aperto al pubblico ogni sabato dalle 10 alle 14 per permettere ai milanesi e non di riscoprirne i tesori. L’Archivio Storico è infatti un pezzo della storia della città e conserva 40 km lineari di scaffali, per un totale di oltre 180.000 “pezzi” tra fascicoli, volumi, rotoli, registri, mappe, 150.000 pergamene, fra le quali il più antico documento pergamenaceo conservato negli Archivi di Stato italiani. Si tratta quindi di un’occasione per conoscere e approfondire delle importanti testimonianze storiche e documentaristiche che riguardano la città di Milano.

Tante le iniziative previste. Innanzitutto, grazie a un percorso specifico si potranno approfondire interessi e curiosità all’interno della Sala didattica e poi con l’iniziativa “Documento del mese“, ogni primo sabato del mese si terrà l’esposizione di una piccola mostra in cui a rotazione saranno mostrati i più prestigiosi ed affascinanti documenti dell’Archivio di Stato. Il documento sarà scelto per le informazioni che contiene o perché particolarmente pregevole per la presenza di miniature, sigilli, oppure perché ha qualche caratteristica insolita.

In più i volontari del Touring Club intendono proporre anche una serie di iniziative culturali, dalle classiche visite guidate fino alle letture di testi o musica. Una delle iniziative si chiama “Carta Canta” e sarà a cura del gruppo CantarStorie. Una volta al mese, il sabato mattina, gli antichi documenti custoditi all’interno dell’Archivio di Stato prenderanno vita grazie agli artisti, attori e musicisti, che li metteranno in musica o li reciteranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>